infrared_31dsc_0549_a14355609_10209930898085771_6059358548458796379_n

 

con l’introduzione di Giovanni Bogani.

Ogni giorno il mondo che ci circonda subisce cambiamenti, sempre più veloci, si fa tutto via web, nascono nuove tendenze politiche, sociali, economiche e culturali, si subisce sempre più l’esigenza del tempo che corre veloce. Anche la comunicazione presenta grandi cambiamenti, tutto il settore della comunicazione cartacea è in crisi, la stessa lettura dei libri diventa così un “privilegio”, in mancanza di tempo e di spazio, si fanno selfie di tutto, a tavola, piatti di chef gourmet, bottiglie millesimate, vini ormai già degustati, in auto, i primi giorni al mare, una vacanza…le macchine fotografiche usa e getta sono scomparse, le foto, quelle belle, forse sono per pochi in quanto, come professione, il fotografo professionista è un sognatore. E’ un sognatore, Fabrizio Gaeta, con animo vagabondo, pronto a partire lontano con la sua immaginazione, capace di esprimere la propria personalità, catturando emozioni in momenti differenti, con un unica destinazione: un viaggio immaginario per il mondo.

Le fotografie, per Gaeta, hanno il potere di sospendere il tempo, rendere immortale un’espressione, un sorriso, lo sguardo, un soffio di vento….è come nascere e vivere ogni volta per la prima volta, per Fabrizio Gaeta. Il battito di un respiro sospeso costruisce una silhouette umana, statue, colonne, archi, chiese, la leggiadria delle nuvole di stoffa li accarezzano plastici.

E oggi Gaeta ha nuovi occhi per guardare la sua città, nuvole d’aria che definiscono ogni strada, ogni statua, piazze, panorami di altri mondi, a volte minacciose, altre sognanti, infinite sono le emozioni che, osservando le foto di Firenze, siamo in grado di provare, un istante rivelato, un respiro sospeso, costruiscono visioni inedite, strade sconosciute, visioni le sue che sembrano veli che accarezzano statue, plastiche nelle pose, che non hanno timore di mostrarsi nella loro sinuosità, quasi a diventare statue viventi, mentre Gaeta lascia indovinare, quella parte di noi definita anima, pronta a donare la sua bellezza al tempo attraverso una fotografia.

“White Florence” mostra l’arte fotografica di Fabrizio Gaeta, alla libreria IBS per il mese di ottobre ………..Come termina Giovanni Bogani nella sua bellissima presentazione……..Chissà se sono questi i colori, questi i chiaroscuri con cui Dio vede il nostro mondo.