SIMONE NAPOLI E IL NATALE Tutto quello che va di moda…… Eccoci di nuovo a Natale, l’appuntamento preferito dell’anno eppure il più stressante, il più fitto di festeggiamenti, eventi, appuntamenti…e regali! Nessuno si può sottrarre alla magia del Natale, sia che amate la festività, che gli attribuiate un significato mistico o più puramente consumistico e festaiolo ma preparatevi, le luci e gli addobbi vi travolgeranno. Da lontano, in centro città, un canto Gospel mentre si cammina sulla scia del profumo di dolci, profumo di caldarroste tenute al caldo nelle strade illuminate alla ricerca dei regali, la casa ha un volto nuovo con dettagli natalizi e l’albero già pronto, fiore all’occhiello delle decorazioni. Per i regali si può anche diventare pazzi……per la scelta, per il budget, per quell’ultimo pensiero che avevate dimenticato e che vi sorprenderà nel sonno proprio poche ore prima che le cene e i pranzi in famiglia e tra amici abbiano inizio. Da questo punto di vista il Natale è più una prova di coraggio che una festa, una corsa all’ultimo pacchetto, ma c’è qualcosa di nuovo, che fa moda, il regalo più trendy da qualche anno a questa parte, il nasino nuovo, come Belen, o una serie di punturine x lui. Perché la chirurgia estetica plastica va di moda……. Per questo ci facciamo guidare dal Dr. Simone Napoli che ci spiega l’abbinamento fatale chirurgia estetica/plastica con il Natale. Dr. Napoli la bellezza ora non è più una prerogativa della donna? Sono sempre di più le persone che ogni anno si affidano al chirurgo estetico per sistemare qualche dettaglio del proprio corpo con il quale non si sentono a proprio agio, un trend ampiamente confermato dalle statistiche. Secondo un recente studio dell’Isaps (la società internazionale di chirurgia plastica ed estetica) il nostro Paese è settimo al mondo per il numero di interventi di chirurgia estetica e l’attenzione all’aspetto esteriore non è più una prerogativa femminile, gli uomini che ricorrono al bisturi sono infatti il 12% del totale . Un dato che, osservando la nostra realtà, comincia ad arrivare a delle percentuali interessanti, il 30% infatti dei pazienti che vengono nei miei Studi, sia a Firenze che a Roma , sono uomini, ben consapevoli che il ritocchino è una esigenza e non più un vezzo da vip”. Quali sono i trattamenti meno invasivi a cui un uomo può fare ricorso per ridurre i segni del tempo sul volto? Ci sono trattamenti, come ad esempio quello con la tossina botulinica per le rughe, che durano 8 o 9 mesi e non lasciano segni. Non sono paragonabili come durata ad un lifting o a un vero e proprio intervento chirurgico, ma funzionano bene per un paio d’anni. Dottor Napoli, quali sono gli interventi più richiesti? Sia da uomini che da donne il lifting al viso, la blefaroplastica, per le palpebre, un intervento molto comune , il nasino come Belen è molto richiesto dalle giovanissime, l’intervento di rinoplastica ed infine la liposuzione, che oggi consente di eliminare notevoli quantità di grasso con cicatrici di dimensioni molto ridotte. Basti pensare che fino a 20 anni fa i pazienti di sesso maschile erano il 5% e oggi arriviamo anche al 30%. Il consiglio del Dr. Napoli, valido sempre e comunque sia per gli uomini sia per le donne che desiderano far ricorso alla chirurgia estetica, è quello di informarsi sugli interventi e di consultare chirurghi iscritti alle associazioni di categoria quali AICPE Press: Cristina Vannuzzi Le Sedi del Dr Simone Napoli www.centrobufalini.it – Via Gino Capponi, 26 Firenze, FI 50121 Tel: 055 244950 Roma 349 2301592 Prato 349 2301592 Cagliari 340 8170367 – 349 2301592